Benvenuti a Skid Row, Usa: zona di epidemia

LOS ANGELES – I federali scendono nel centro di Los Angeles per combattere una pericolosa epidemia di Tubercolosi di un ceppo resistente ai farmaco. Le autorità sono alla ricerca di persone che possono essere state esposte al virus.

Dei circa 80 casi di tubercolosi nella contea di Los Angeles, una trentina sono stati registrati a Skid Row –
i Centri per il Controllo e la Prevenzione hanno lanciato uno sforzo coordinato per contenere la più grande epidemia nella zona da un decennio.

“Stiamo davvero mettendo le nostre risorse in questo”, ha affermato Jonathan E. Fielding, direttore del Los Angeles County Department of Public Health.

Skid Row è una zona ad altissima densità di immigrati, la composizione etnica ci dice che oltre il 75% dei suoi residenti sono “non bianchi”.

Più immigrazione significa più malattie. E le malattie non si fermano ai confini dei quartieri ad alta densità di immigrati, nascono lì per poi espandersi.
Porta milioni di immigrati dal terzo mondo in una città occidentale, e la trasformeranno in una città del terzo mondo. Perché non è la “latitudine” a definire la natura di un luogo, ma le persone che lo abitano.

Share

4 Comments

  1. Werner febbraio 22, 2013 7:46 pm  Rispondi

    Dove c’è il negro c’è la malattia, e sono convinto che sono soprattutto loro quelli che rendono quell’ambiente particolarmente schifoso.

    Qui in Italia rischiamo seriamente di ridurci come questa città americana, perchè coi nostri 301.340 km² e 60 milioni di abitanti, siamo sovrappopolati – se si considera che la Spagna ha una superficie di 504.645 km² e 47 milioni di abitanti – e continuando con questa immigrazione selvaggia e proveniente da zone in cui le epidemie la fanno da padrona (come l’Africa sub-sahariana), la sovrappopolazione aumenterà notevolmente e si assisterà al peggioramento delle condizioni igienico-sanitarie.

    Purtroppo, col pretesto che la nostra popolazione invecchia e che la forza-lavoro fondamentale per pagare le pensioni ai nostri anziani diminuisce (stronzatona perchè le due cose non sono correlate, in realtà è dovuto alla mancata copertura previdenziale che ai nostri giovani lavoratori precari non viene fatta), il governo ci dice che l’immigrazione è una “risorsa” necessaria, la gente al solito ci abbocca e accetta passivamente questa cosa, anche col rischio che possano diffondersi epidemie.

  2. Marte Ultore febbraio 22, 2013 8:38 pm  Rispondi

    Skidrow è anche un noto cracker di programmi e videogiochi. Scusate non c’entra niente ma suppongo la comunanza tra questi due nomi non sia casuale.

  3. Antonella febbraio 25, 2013 3:49 pm  Rispondi

    E qui continuano ad entrare. Con il lavoro che faccio ho occasione (purtroppo) di venire a contatto con certa marmaglia. Un nordafricano che lavora in Italia è andato appositamente nel suo paese a prendere la moglie incinta per farla partorire qua. Mi domando, non poteva partorire a casa sua visto che c’era stata fino ad adesso? Eh no, perchè qui è tutto gratis per loro, pantalone Italia paga per tutti. E poi, vuoi mettere il prestigio di vedere scritto nei documenti che il figlio è nato in Italia e non a Casablanca piuttosto che a Tunisi. Che vi devo dire, mi sono sempre piu invisi…

  4. toni febbraio 26, 2013 2:27 am  Rispondi

    e che dire pero’ e’ strano perche’ negli USA quando ti metti in regola ti fanno le visite e vaccini per poter mettere in regola l immigrato ma il fior di visite con prelievo del sangue per scongiurare il pericolo di malattie infettive e in Italia non pensiamo che solo i neri portano malattie che anche i magrebini e quelli dell EUROPA dell est che sono portatori sani di epatiti

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *