Sacrifici umani nelle comunità di immigrati

Se credete che i sacrifici umani siano un antico retaggio di culture selvagge definitivamente estinte e cadute nel limbo, vi sbagliate. Nonostante la propaganda antirazzista si sforzi costantemente di presentarci un’immagine politicamente corretta dei popoli africani, in Uganda l’uccisione di bambini per rituali stregoneschi è un fenomeno che ha raggiunto proporzioni davvero incredibili, a dimostrazione di come “pratiche che nei paesi civilizzati hanno portato i loro seguaci al patibolo continuano ad essere per il Sud del mondo ordinaria amministrazione” [nbnote] Silvano Lorenzoni nel “Selvaggio” mostra come comportamenti che per i selvaggi costituiscono la normalità sono considerati tra i popoli civili sintomi di psicopatologie: “Inizierò mettendo a fuoco quelle manifestazioni che avvicinano il selvaggio ai comportamenti di quei civili che normalmente sono, o dovrebbero essere, confinati nelle istituzioni psichiatriche, e, successivamente, quelle (tossicodipendenza compulsiva, deviazioni sessuali ecc.) che più lo avvicinano all’animalità. [/nbnote]

Un bimbo morto in cambio successo, soldi, salute. È quanto accade in Uganda, Paese africano dove – secondo le stime di Jubilee Campaign, charity che si occupa di tutela dei minori – il macabro rituale ha già coinvolto 900 bambini. Un recente reportage investigativo della Bbc nello stato africano ha rivelato che il numero delle piccole vittime di sacrifici umani sta aumentando rapidamente e la polizia fa ben poco per risalire ai colpevoli e ancora meno per proteggere le potenziali vittime.

http://www.lettera43.it/attualita/28884/uganda-attenti-all-orco.htm

E’ interessante notare che tali riti, pur essendo proibiti dalla legge, sono talmente diffusi e socialmente accettati, da non suscitare la minima riprovazione da parte dell‘africano medio. Infatti benché l’attuale incremento dei sacrifici sia riconducibile ad una specifica setta chiamata Yu-Yu, questo fenomeno non è un’anomalia estranea alla cultura e alla mentalità africane ma, al contrario, si radica nella psicologia stessa di quelle popolazioni, le quali dal punto di vista morale non vi trovano assolutamente nulla di male. Infatti, in questo continente, e in particolare in Uganda, casi di sacrifici umani sono sempre esistiti e spesso sono gli stessi guaritori tradizionali che finito l’insegnamento di queste pratiche devono iniziare con il sacrificio del proprio figlio. Ecco la descrizione particolareggiata di uno di questi riti:

Molte famiglie, in quelle zone dell’Africa dove lo Yu-Yu è molto diffuso, destinano uno dei loro bambini al sacrificio per garantire benessere a tutta la famiglia. I membri della setta assistono, nudi, all’opera dello sciamano che, stordita la vittima, gli taglia la gola facendo molta attenzione a che neanche una goccia di sangue vada sprecata; il sangue (5/6 litri) viene raccolto in una bacinella metallica e versato sulle teste dei presenti che, poi, si accoppiano ancora tutti lordi di questo.

http://www.valianti.it/cgi-bin/bp.pl?pagina=mostra&articolo=1729

Un buon africano non capirà mai perché queste pratiche suscitino nell’uomo bianco tanta riprovazione. Per lui l’omicidio non è un crimine, tanto più se è lo stregone a ordinarlo. Ecco come un negro tratta il rito sanguinario con un cronista della BBC che si è finto un acquirente:

«Esistono due modi di farlo», ha spiegato Awali al giornalista, «possiamo seppellire il bambino vivo dove stai costruendo la tua sede oppure possiamo tagliarlo a pezzi e mettere il suo sangue in una bottiglia. Se è maschio gli tagliamo la testa e i genitali, seppellendoli insieme alle mani e ai piedi».

 http://www.lettera43.it/attualita/28884/uganda-attenti-all-orco.htm

Ci viene spontaneo chiederci, visti gli attuali flussi migratori, quali saranno a lungo termine gli effetti dell’importazione di questa preziosa cultura nel continente europeo. La risposta ce la da un articolo di alcuni anni fa, in cui si descrive come l’immigrazione grazie alle associazioni antirazziste e umanitarie abbia permesso agli stregoni africani di esportare le loro pratiche di magia nera sino in Gran Bretagna. Tutto è cominciato col ritrovamento di un corpo mutilato nel Tamigi.

Si trattava di un bambino di razza africana cui erano stati amputati la testa, le gambe e le braccia; investigatori lo battezzarono Adam e cominciarono le indagini. La prima risultanza fu che la causa della morte era stato un accuratissimo taglio della vena giugulare, cui era seguito un drenaggio completo del sangue. (…) Studiando i resti del bambino sacrificato si scoprirono nello stomaco e nell’esofago resti di una pozione costituita da rare erbe africane; l’antropologo spiegò che si trattava di erbe che stordivano la vittima prima del sacrificio.

http://www.valianti.it/cgi-bin/bp.pl?pagina=mostra&articolo=1729

Infine si scoprì che:

Bambini maschi tra i 4 e i 7 anni venivano comprati in Africa per 10/20 dollari; fatti arrivare in Gran Bretagna assieme a coppie di richiedenti asilo, che se ne avvalevano per facilitare le pratiche di accettazione, e poi passati a sette segrete apparentemente di denominazione cristiano-evangelica, in realtà sette sataniche che li sacrificavano, spesso dopo averli torturati, per cacciare «cattivi spiriti» o malattie. I bambini importati dall’Africa in questa maniera sarebbero almeno un centinaio e questa potrebbe essere la punta di un iceberg.

Tra poche decine di anni l’Europa si sarà definitivamente trasformata in un continente africano. Non è difficile perciò ipotizzare un aumento di queste pratiche, con buona pace di progressisti e associazioni umanitarie. Già l’anno scorso abbiamo avuto notizia di un caso simile, riguardante un barcone attraccato a Lampedusa. Un sopravvissuto, un ghanese di 16 anni, raccontò infatti che durante l’attraversata furono gettati in mare alcuni uomini per “placare gli spiriti del mare”:

A bordo del barcone venivano eseguiti sacrifici umani per invocare il sostegno di qualche divinità pagana nei momenti di difficoltà, o anche semplicemente per punire qualche innocente che veniva ritenuto colpevole di aver provocato qualche danno ai motori dell’imbarcazione. La regia degli avvenimenti era tenuta da quattro donne, quattro maghe, delle santone nigeriane che eseguivano riti magici a bordo dell’imbarcazione indicando di volta in volta chi doveva essere gettato in mare. Il fatto che nell’imbarcazione ci fossero etnie diverse ha favorito una sorta di guerra interna dominata da alcuni nigeriani. Un sopravvissuto ha raccontato che donne di etnia nigeriana facevano riti magici al termine quali indicavano qualcuno. Questo veniva preso, legato mani e piedi e ancora vivo gettato in mare.

 http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2011/11/30/IMMIGRATI-Sacrifici-umani-sul-barconi-orrore-a-Lampedusa/225793/

Una cosa molto importante da sottolineare è che tutte le donne arrestate erano ospitate in strutture di accoglienza: “due a Palinuro, in provincia di Salerno, uno a Cosenza e altri due in un albergo di Enna” e che tutti i responsabili, “erano già in possesso di permesso di soggiorno dopo avere richiesto e ottenuto asilo politico”.

Forse gioverà a questo punto interrogarsi sui fondamenti antropologici di questa crudele usanza. Il sacrificio umano a scopi stregoneschi riflette di per sé un tratto caratteristico della psicologia dei negri e, in genere, delle popolazioni selvagge. Infatti a differenza di altre forme di culti sacrificali, in uso nell’antichità presso popoli di stampo indoeuropeo, che avevano una valenza cosmica e sancivano un legame con la comunità di appartenenza e col divino, il rito stregonico è totalmente spogliato da qualsiasi carattere sacrale e comunitario, e si riduce sostanzialmente a una sorta di contrattazione magica con i demoni per ottenere vantaggi individuali e materiali. Ciò, del resto, si accorda perfettamente con la stessa concezione della religiosità in uso presso i selvaggi, caratterizzata da una totale cesura con il sacro, che degenera in mero fattucchierismo e magia nera tra i popoli del Sud del mondo, improntati a una crudeltà metafisica che riflette il loro allontanamento dall’umanità e il loro affacciarsi sull’animalità. [nbnote] op. cit. “Da ciò risulterà chiaro come da un lato il selvaggio possieda ancora un labile aggancio con l’umanità normale, dalla quale comunque si è allontanato, e dall’altro lato esso si affaccia già su quell’animalità alla quale è destinato”. [/nbnote]

Concludendo, fenomeni come questi dimostrano in maniera inequivocabile, se non fosse già abbastanza chiaro, che l’idea di importare selvaggi dalle aree più degradate del pianeta non potrà mai costituire una fonte di arricchimento culturale per i popoli civili, ma solo una causa di costante regressione antropologica, di imbarbarimento e di degenerazione. L’immigrato di colore è inassimilabile. La sua presenza va di pari passo al deterioramento delle strutture civili, morali e spirituali di una nazione.

Ai nostri giorni l’eredità ancestrale dell’Europa è stata usurpata da masse incontrollate di subumani, che importano nel nostro continente le peggiori usanze tribali del Terzo Mondo. Gli umanitaristi chiamano questo imbarbarimento “progresso”. La nostra missione storica è combattere questo scempio e far ritornare l’Europa ad essere quel faro di civiltà che ha illuminato per secoli il mondo intero.

   [nbnote print=”true”]

 

 


6 Comments

  1. Norberto agosto 22, 2012 3:10 pm  Rispondi

    Non è una situazione isolata, questa dell’Uganda. In Africa sono ancora diffuse parecchie pratiche tribali inconcepibili per i popoli bianchi. Per esempio in Congo è ancora praticato l’omicidio a scopo cannibalico; cercate qualche articolo nel Web, se ne sono verificati dei casi anche di recente. Checché ne blaterino i buonisti paladini dei “Diritti Umani” l'”unica razza umana” non esiste; i popoli di razza nera sono palesemente inferiori ai bianchi, come dimostrano anche diverse ricerche scientifiche taciute dalla propaganda ufficiale.

  2. Gabriele settembre 9, 2012 2:24 am  Rispondi

    non oso immaginare se, potendo, quale potere magico attribuirebbero allo scannamento di un bambino bianco e magari biondo…

    • marianna gorreri ottobre 6, 2013 4:42 pm  Rispondi

      volevano comprare il mio biondo con gli occhi azzurri MI sono chiusa in macchina terrorizzata….ecco chi sono Ma non gli eritri quelli non sono cannibali fuggono da una dittatura spaventosa…ed io li conosco ci sono nata in quella terra e se posso li aiuto. Ma l’Africa dovevano lasciarla stare…non colonizzarla abbiamo culture troppo diverse Hanno rovinato quei popoli

  3. steel settembre 9, 2013 10:07 pm  Rispondi

    tra certe tribù africane ammazzano i negri albini.

  4. marianna gorreri ottobre 6, 2013 4:39 pm  Rispondi

    ma che verità……io sono vissuta in africa ma perchè non pubblicano queste notizie? mentre l’ITALIA muore di fame l’onu sui congratula con una CONGOLESE..ma che bello…non sono razzista sono infuriata…brava anche la BOLDRINI tanto noi non contiamo un bell’accidente…ho visto i loro banchetti e sono inorridita che tutti qui piangono i morti giustamente e non ricordano i nostri di morti che differenza ci passsa’

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *