Mare Nostrum: carne fresca per ‘sacerdoti’ in calore

Alla fine, il lavoro di Al Fano, Renzi e dei loro baciapile della Marina si riduce nel rifornire omosessuali vogliosi di merce esotica. Magnaccia, nulla di più, nulla di meno.

SACERDOTE ARRESTATO: SESSO CON ‘PROFUGHI’ IN CAMBIO ‘DOCUMENTI’

Avrebbe approfittato del suo ruolo di componente della commissione territoriale di Trapani per il riconoscimento della protezione internazionale, per costringere richiedenti asilo a prestazioni sessuali in cambio del rilascio dello status di rifugiati. È l’accusa contestata a don Sergio Librizzi, direttore della Caritas diocesana di Trapani, arrestato oggi dagli agenti della sezione di polizia giudiziaria del Corpo forestale nella canonica della chiesa San Pietro di cui è parroco. Concussione e violenza sessuale pluriaggravata sono le imputazioni formulate nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Trapani su richiesta della Procura.

 

L’utilità di Mare Nostrum è evidente: procurare ‘materia prima’ a tutta l’ampia gamma di sfruttatori. Dai cosiddetti ‘imprenditori’ ai cosiddetti ‘preti’. In realtà accomunati dal bisogno di aumentare la quantità di risorse disponibili alle quali attingere.

La spiegazione è ovvia. In una società normale come quella italiana, esiste un numero basso, troppo basso, di giovani efebi pronti a farsi montare dagli impiegati Caritas, così come non esiste un numero abbastanza elevato di lavoratori pronti a farsi sfruttare nei campi di pomodori o sui pontili dei palazzi per pochi spiccioli. E qui arrivano in soccorso Al Fano e il PD, con i loro carichi quotidiani di ‘merce’ a basso costo per tutti gli utilizzi.

La prossima volta che sentite un prete, un imprenditore, un politico o un volontario vaneggiare di accoglienza, pensate a Don Sergio Librizzi, quella è l’accoglienza secondo loro.

Ovviamente, preti alla Librizzi non sono veri sacerdoti, entrano nella Chiesa per profittare dei vantaggi che porta. Non è la Chiesa della religione, ma la chiesa targata Accoglienza.Spa, quella di Bergoglio, non quella di Ratzinger.

21 Comments

    • Django giugno 24, 2014 9:33 pm  Rispondi

      “peaceful Muslim street prayers to the military occupation of her country by the Nazis.”
      Buahahahahahahahahahahahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ma che razza di droghe psichedeliche si spara ‘sta stronza??? E le permettono pure di parlare???? Il Dottor Male di Austin Powers è mille volte più credibile quando espone i suoi “piani malvagi”!!!
      Ghandi e il Dalai Lama direbbero “ma chi è ‘sta cogliona? Non c’è per caso un plotone d’esecuzione da queste parti??”

  1. Django giugno 24, 2014 9:17 pm  Rispondi

    Perchè la cosa non mi stupisce?!

    • Werner giugno 26, 2014 10:50 am  Rispondi

      Che teste di cazzo questi musulmani, hanno proprio manie espansionistiche: come minimo andrebbero buttati fuori a calci nel culo.

      Comunque, questa notizia non mi sorprende per nulla, il clero è una casta non solo di privilegiati, ma anche pervertiti. Questo succede quando il prete non lo si fa per vocazione, ma per avere i privilegi suddetti.

    • Django giugno 28, 2014 10:31 pm  Rispondi

      Sarebbe buffo se un gruppo di negre 8sapete, di quelle razziste che odiano i bianchi) la uccidano per averla scambiata proprio per una bianca (visto il suo fenotipo), sarebbe, come si dice? Karma… stronza!

    • Django giugno 29, 2014 10:21 pm  Rispondi

      Allora al prossimo mandato quel patetico burattino non verrà ri-eletto!

    • Django giugno 29, 2014 10:26 pm  Rispondi

      Mi dispiace tanto per questa ragazza ed il suo stato d’animo! Ma esattamente… “che incrocio è?” (se mi passate il termine, un tantinello becero in questo caso, devo ammetterlo), no, perchè a me ‘sta ragazza sembra una perfetta bianca, ed anche i suoi genitori.

    • Django giugno 29, 2014 10:30 pm  Rispondi

      Non giocherà mai più una partita, si spera… e si spera pure faccia ritorno in ghana dalla sua vera famiglia, com’è giusto che sia!

Leave a reply to Mare Nostrum: carne fresca per ‘sacerdoti’ in calore Cancel reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *