Avete rubato abbastanza: ora fermate Mare Nostrum

Alla luce dello scandalo romano – ma è scandalo solo per i mentecatti, visto che sono anni che lo Stato invia – a spese nostre – i clandestini negli hotel e nei centri di accoglienza. Quando crei un business da oltre 1 miliardo di euro, le mosche si avvicinano. Inevitabile.  Ma a questo punto è impossibile non chiedersi: qualcuno ha pagato perché l’operazione Mare Nostrum avesse inizio? Sarebbe interessante avere i nomi dei finanziatori dei partiti che hanno votato per la missione. I nomi e le frequentazioni dei vertici della Marina Militare. I nomi e le frequentazioni del Prefetto di Roma, di Milano, e di tutti i prefetti d’Italia che stanno gestendo, ormai, centinaia di milioni di euro: decidendo a quale cooperativa inviare i sedicenti profughi. E’ tutto un sistema mafioso: inizia a largo delle coste libiche, dove gli scafisti della Marina prelevano i carichi di africani, quelli ‘che valgono più della droga’. E finisce nel sistema dei centri di accoglienza e degli hotel gestiti da cosiddette ‘onlus’: onlus un cazzo. Un sistema di gestione del business che si è spartito a metà tra accoglienza vaticana e accoglienza ‘democratica’.

Siamo certi: il sistema arriva molto in alto. E’ nei ministeri. E’ nel governo. E’ nel Vaticano. E’ lì che si è deciso Mare Nostrum, al quale Bergoglio dette ‘il via’ con il suo viaggio a Lampedusa. Non saremmo sorpresi di scoprire, che il famoso ‘disastro di Lampedusa’ sia stato un false flag creato ad arte per dare il via al business. Del resto: ““I profughi ci rendono più della droga”, hanno detto. Una cosa è certa: la Mafia è dentro lo Stato. L’immigrazione è uno dei business che sta uccidendo l’Italia. Chi ha votato – tutti i parlamentari che lo hanno fatto – a favore di Mare Nostrum deve essere indagato per ‘favoreggiamento’. Stop al grande banchetto Mare Nostrum – ora ribattezzato Triton.


1 comment

  1. Django dicembre 3, 2014 10:48 pm  Rispondi

    Per Thor e Tyr riuniti… QUANHD’è CHE IMPALIAMO QUESTA GENTAGLIA CHE CI OPPRIME????

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *