Tutti a parlare di Boldrini, ma delle vere vittime di stupro nessuno

I media italiani sono una ‘strana bestia’. Tutti a parlare dello stupro simbolico della Boldrini, ma nessuno che si occupa dei veri stupri di cui sono vittime donne comuni. Tipo quello della povera 80enne brutalmente violentata da un romeno.

Un po’ come quando strillarono per diversi giorni sull’imprecazione contro la Kyenge a margine di una vera notizia dello stupro di una ragazza vittima di due immigrati. Anche lì, nessun giornale che si occupasse della vittima reale, tutti a piagnucolare come scimmiette ammaestrate sul ministro clandestino con scorta al seguito.

Sia chiaro. Lo stupratore è il primo carnefice, ma i giornalisti tengono il moccolo. Insieme ai politici.


3 Comments

  1. Pietro febbraio 11, 2014 4:16 pm  Rispondi

    Siamo un Paese allo sbando. L’inquilino del Colle è un golpista, l’Esecutivo è un governo fantoccio messo in piedi dal golpista per appecoronarsi agli usurai ed alle imposizioni dell’UE, il Parlamento conta 148 abusivi ed è quindi illegittimo……E della Boldrini non ne parliamo nemmeno.

  2. Werner febbraio 11, 2014 6:50 pm  Rispondi

    I media censurano soprattutto gli stupri i cui autori sono gli africani subsahariani, onde evitare che la gente possa avere una più che leggittima opinione negativa su di loro. Anzi, vi dirò di più, essi enfatizzano la loro immagine parlando dei fatti come quello accaduto a Napoli, dove un negro ha restituito la borsa ad una donna scippata da un delinquente in motorino: come dire, solo in questi fatti di cronaca parlano dei negri, per inculcare agli italiani il “africani brava gente”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *