Repubblica sulla strage di Milano: “L’Italiano non doveva essere lì, a quell’ora”

L’assurdo articolo del giornale dell’elusore fiscale.

Un uomo che non doveva essere lì, ma a casa sua, a dormire, e un altro che non doveva essere in Italia, ma nel suo Paese, il Ghana, ma che qui era rimasto per quelle contraddizioni legislative che regolano la vita dei migranti. E’ tra le righe di una amara serie di paradossi che va letta la tragedia avvenuta all’alba a Milano, quando un immigrato con precedenti, in preda a un raptus omicida, ha cominciato ad aggredire a picconate i per fortuna non moltissimi passanti che a quell’ora ha trovato per strada, uccidendone uno, riducendone due in condizioni gravissime e ferendone altri due prima di essere bloccato dai carabinieri. Un sesto uomo è riuscito a sfuggire alla sua ferocia. http://milano.repubblica.it/cronaca/2013/05/11/news/ferisce_3_persone_a_picconate_viene_bloccato_dai_carabinieri-58536839/

Quindi, primo: un italiano non è libero di andare a fare colazione al bar il sabato mattina, ma deve rimanere a dormire.

Due: il clandestino è qui, non perché la magistratura non ha fatto il suo dovere – e nel caso vincessero le tesi di chi repubblica sostiene rimarrebbe qui in ogni caso, anche con magistrati onesti – ma a causa di fantomatiche contraddizioni legislative che regolano la vita dei migranti…frase che quasi trasforma il carnefice in vittima.

Tre: che fortuna! non ha colpito “moltissimi passanti”, ne ha solo ammazzato uno, ridotti in fin di vita due e feriti altri due. Risultato positivo nella società multietnica, sembra pensare Repubblica.

Ditemi voi se questi sono giornalisti.

RENDIAMO VIRALE L’HASHTAG #STOPIMMIGRAZIONE



16 Comments

  1. Crociato maggio 12, 2013 12:13 pm  Rispondi

    Conosco bene zona Niguarda a Milano, già alcuni anni fa da quelle parti era pieno di immigrati, figurarsi oggi.

    Che quindi “il pazzo ghanese” abbia potuto girare per 15 minuti con il piccone “colpendo a caso” i passanti, e beccando, guarda caso, solo italiani, senza incontrare nemmeno uno straniero a maggior ragione alle 6.30 di un sabato mattina e vicino a una fermata dei mezzi pubblici (dove ha colpito il 19enne), è una palese opera di disinformazione del giornalismo di regime.

    Il “pazzo” ha colpito volontariamente italiani, andandoli razionalmente a scegliere tra la folla per la loro appartenenza etnica.

    Ha compiuto cioè quella che, a parti invertite, sarebbe stata definita una STRAGE RAZZISTA necessaria di leggi speciali per FERMARE L’ODIO.

    Ma no, il povero ghanese è solo un povero malato, e aveva fame…

  2. Werner maggio 12, 2013 1:38 pm  Rispondi

    Ma guarda un po’, adesso è proibito nel proprio paese poter stare fuori all’aria aperta, altrimenti poi un negro schifoso mi aggredisce e mi uccide: questa cosa mi ricorda le testimonianze della mia vecchia nonna che mi diceva che durante la guerra se ne stavano tutti rintanati a casa perché c’erano i tedeschi ed avevano paura.

    Forse il paragone sembrerà un po’ azzardato, ma se ci riflettete non è così: i tedeschi allora erano i nostri invasori, OGGI I NOSTRI INVVASORI SONO GLI IMMIGRATI, E NON APPARTENGONO AD UNA POPOLAZIONE CIVILIZZATA COME QUELLA TEDESCA, MA A ELEMENTI BARBARI DEL DESERTO E DELLA SAVANA, SELVAGGI, DEDIDITI ALL’ASSASSINIO E DALLA LIBIDINE ELEVATA!

  3. Stefano maggio 12, 2013 1:43 pm  Rispondi

    Dico di più, Werner… I tedeschi ci avevano invaso con la forza delle armi. Qui dobbiamo subire senza aver nemmeno combattuto. Anzi… SIAMO STATI NOI AD ANDARLI A PRENDERE! Ti rendi conto che fessi?

  4. non di parte maggio 12, 2013 1:48 pm  Rispondi

    vorrei capire dov’è la differenza tra questo terribile episodio e quello della bomba dinanzi alla scuola di Brindisi deve perse la vita una ragazzina…….il numero delle vittime non credo perchè fu solo un caso che che a rimetterci la pelle lì fu solo una persona, ah forse ci sono…..il colore della pelle del pazzo omicida e infatti non si fa altro che ribadirla…..

    • admin
      admin maggio 12, 2013 2:15 pm  Rispondi

      La differenza è piuttosto semplice. Mentre il fatto di Brindisi non era evitabile perché non possiamo espellere i dementi italiani, questo di Milano era evitabilissimo. Bastava rimandarlo in Ghana. Bastava non farlo nemmeno entrare.

  5. non di parte maggio 12, 2013 1:53 pm  Rispondi

    io non ho postato nessun commento prima di quello mandato poco fa…….perchè non viene pubblicato?

    • admin
      admin maggio 12, 2013 2:16 pm  Rispondi

      I commenti di chi posta per la prima volta sono sottoposti a moderazione. Causa maleducati che utilizzano i commenti per sfogare insoddisfazione repressa.

  6. Dario Capasso maggio 12, 2013 2:23 pm  Rispondi

    Per “non di parte”: sarai pure non di parte ma sei solo un povero ottenebrato… Anche nelle situazioni più tragiche salta fuori qualche bastian contrario che difende la feccia umana a tutti i costi. Forse è attratto sessualmente dai negroidi… fatto sta che io vi getterei entrambi nella fossa dei leoni senza pensarci sù due volte!

  7. Stefano maggio 12, 2013 3:00 pm  Rispondi

    Domanda a “Non di Parte”. Ammettiamo che Lei sia un orticoltore e che i cinghiali, arrivati in massa in zona visto che nessuno ne controlla la proliferazione, devastino i suoi orti. Lei, stufo dei danni, segnala la cosa al suo Sindaco, ricordandogli che solo pochi anni fa i cinghiali non c’erano, ma egli le ricorda invece, con tono severo, che anche la grandine produce gravissimi danni agli orti. Le sembra un motivo giusto, visto che non si può eliminare la grandine, beccarsi, oltre ad essa, anche i cinghiali che, invece, possono essere eliminati, tantopiù che fino a pochi anni fa non c’erano e lei stava MOLTO meglio? Cordialità…

    • LIBICUS maggio 12, 2013 4:52 pm  Rispondi

      IN CASO DI NECESSITA’ il Sindaco o qualche altra Autorità competente può dare l’autorizzazione a sparare ai cinghiali in modo di diminuirne il numero: La grandine purtroppo è imprevedibile anche se esistono i razzi antigrandine che hanno pochissimo effetto. Possiamo, nel primo caso dei cinghiali mettere però delle recinzioni nei nostri campi , ma se questi le rompono credo che sia nostro dovere allontanarli in ogni maniera, anche con quelle forti.

  8. Stefano maggio 12, 2013 5:25 pm  Rispondi

    Ecco, Libicus, mi sembra che l’esempio calzi perfettamente. Giustamente parli di recinzioni e Dio solo sa quanto si sono arricchiti i venditori di sistemi di sicurezza nell’ultimo decennio. Volete diventare milionari? Costruite o modificate ville-fortezza. Entro 10 anni saranno l’unico modo per difendersi dalle orde e vivere un po’ tranquilli in casa propria, almeno finché durano cibo, acqua e munizioni. Da noi è futuro, in Sudafrica, Namibia, Zimbabwe è realtà dalla fine dell’Apartheid. Ora attendiamo qualcuno, uno di quelli che quando gli indichi la Luna guarda il tuo calcagno sinistro, che ci obietta che stiamo parlando di “esseri umani”, non di “eventi meteorologici o animali”…

  9. Giancarlo Puglia maggio 12, 2013 7:01 pm  Rispondi

    Questi giornalisti bisognerebbe metterli a pane e acqua,per quanto si sa razza di imbecilli una delle vittime era in giro per guadagnarsi un tozzo di pane vendendo i vostri luridi giornali comunque continuate pure a travisare la vergognosa realtà tanto prima o poi anche voi incontrerete un cane sciolto e allora forse vi renderete conto della tragedia che sta strangolando il popolo italiano.

  10. gianluca maggio 12, 2013 10:16 pm  Rispondi

    perche il simpaticone di giornalista,non a a spiegarglielo hai parenti della persona uccisa….e questa l informazione in italia??bello schifo

  11. Nero maggio 13, 2013 12:14 am  Rispondi

    Werner, la storia dei tedeschi non è corretta. Anche dopo il tradimento del Re e di Badoglio, i tedeschi non erano stati considerati come invasori. Il dopo è un’altra storia.

    • Werner maggio 13, 2013 12:14 pm  Rispondi

      Dopo l’8 settembre 1943 sì però.

  12. Paolo maggio 13, 2013 7:23 pm  Rispondi

    Re pubica..giornalai scrivono su questo giornale!
    IO DEVO ESSERE LIBERO DI ANDARE IN GIRO A CASA MIA, NELLA MIA TERRA, COME E QUANDO VOGLIO!
    NON DEVO AVERE TIMORE DI USCIRE LA SERA O LA MATTINA.
    BASTA IMMIGRAZIONE…TUTTI A CASA LORO!
    FINIAMOLA CON I FINTI PERBENISTI!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *