‘Marò delinquenti, Luxuria eroe’

A margine del giuramento del nuovo governo, quella che di mestiere fa l’ex rapita, Giuliana Sgrena:

“È sciocco, ma ancor più umiliante, che Vladimir Luxuria nella sua disavventura russa sia stato paragonato al caso dei due marò. Cosa che mi lascia totalmente basita e più che altro inorridita dell’accostamento in quanto si tratta di casi totalmente differenti. Aggiungerei inoltre”, ha dichiarato, “che sono stanca io stessa di venir sempre paragonata al caso dei militari italiani. Sia io che Vladimir infatti non abbiamo nulla da spartire con questi due individui, noi eravamo in missione di pace, Vladimir poi, che conosco bene, è persona di pace e andava semplicemente a far valere dei diritti che in quel paese ancora mancano. I tanto decantati marò invece sono due assassini che devono ancora essere giudicati per un reato grave di cui l’Italia, colpevolmente, non vuole farsi carico. È vergognoso che due virtuali delinquenti ci vengano affiancati in maniera così ossessiva”.

D’accordo con Sgrena. Un travestito – o trans, non siamo esperti e non abbiamo consulenti alla Regione Lazio – in cerca di notorietà che va in Russia a dare sfogo alle proprie pulsioni egoiche, ben sapendo di non rischiare altro che suscitare risate, non può essere paragonato a chi è prigioniero da anni per avere fatto il proprio dovere.

Quanto alla Sgrena, sono sempre i migliori che se ne vanno.


4 Comments

  1. Stefano febbraio 26, 2014 9:26 pm  Rispondi

    Questo dimostra come sia sbagliato soccorrere questi individui quando restano vittime della loro stessa stolidità. Dico lei come i predatori di bambini congolesi o i turisti yemeniti… La Sgrena andava abbandonata in Irak, senza spendere soldi e sangue per il riscatto: quale maggiore soddisfazione di quella di diventare concime bio per gli escrementi umani per i quali si parteggia? In quanto a Luxuria l’eroe, paghiamogli subito il biglietto! Perché, se un simile eroe non è ancora partito per l’Uganda, ciò non può che esser dovuto a motivi finanziari…

    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/uganda-ergastolo-per-gay-b901b5b0-2e90-46af-b0a2-0228a98f976b.html

  2. arden febbraio 26, 2014 10:00 pm  Rispondi

    Allucinante Sgrena, fulgido esempio di ingratitudine verso il Paese che l’ha salvata dai suoi sequestratori, priati quanto quelli che minaccano la sicrezza della navigazione in acque internazionali, se di quelle nazionali gliene fregasse qualcosa. Che dire di una che è disposta a dimenticare che i nostri due marò erano lì in missione umanitaria, ancorché di polizia, su mandato dell’O.N.U., la patria ideale degli altermondialisti come lei, la Boldrini e la Luxuria… Che dire, se non che sarebbe da spedire lei a fermare i pirati che assaltano mercantili, vista la sua espreienza nel farsi sequestrare, vediamo se trova altri marò o militari dispisti a rischiare la loro vita per salvare la pelle di questa deficiente! Incredibile sentire qualiicare dalla Sgrena come assassini i nostri due marò e eroe un trans che non ha subito alcuna violenza, se non quella di vedere delusa la propria ricerca di martirio all’acqua di rose, mentre, se ci tenesse davvero, Luxuria potrebbe andarsene nei Paesi africani che considerano reato l’omosessualità; e poi, se ce la facesse a tornare indenne a casa, potrebbe provare quello che le riesce a fare per i cristiani massacrati in Nigeria dagli islamici di Boko Haram – notizia che, come sempre, i media hanno fatto di tutto per ridimensionare tacendo l’identità confessionale delle vittime, un modo come un altro per rendersi complici di un massacro per cui una come la Sgerna non ha mai protestato, come, invece, non ha mancato di fare per qualche ora di fermo di polizia della sua amica trans. Senza dimenticare i crimini commessi da assassini e stupratori di bambini per conto dell’O.N.U., crimini commessi anche da soldati indiani che l’hanno fatta franca senza che nessuno li abbia mai fatti estradare per processarli. E gente così è tanto fortunata che trova in Italia (dove, sennò?) dementi come la Sgrena che fanno il tifo per la pirateria giudiziaria dell’India…

  3. Pietro febbraio 27, 2014 6:08 pm  Rispondi

    Il travestito Luxuria è andato a fare la sua carnevalata in un Paese europeo dove era sicuro al 100% di non rischiare nulla e come è avvenuto è stato fermato portato in centrale per essere riconosciuto e rispedito a casa.
    Ma il prode Vladimiro perchè non va a protestare conciato in quel modo in Iran, in Arabia Saudita, in Sudan o in Nigeria…???

    • Dragonero giugno 5, 2014 2:42 pm  Rispondi

      Ahahahahahah, ci sarebbe da ridere, sopratutto quando dovranno scegliere da che parte impalarlo XD

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *