Il senso di Fini per i malati di tuomore: «Ha il cancro, non votatelo»

Il coordinatore finiano di Carrara Nicola Franzoni scrive su FB del suo avversario politico Gianni Musetti che è candidato alla Camera nelle liste della Destra: «Mi dicono che l’unico ed autentico mono-palla di Carrara…
il ciccione dell’estrema destra… sia devastato da un tumore in stato avanzato… ed è per quello che sarebbe così gonfio… pertanto faccio un accorato appello a tutti gli elettori di Carrara perché il 24 febbraio non sprechino il loro voto per uno che ha i giorni contati
».

Il fatto è che Musetti è malato davvero. «Franzoni dovrà rispondere per ciò che ha scritto nel suo profilo Facebook contro la mia dignità umana. Sono un malato oncologico e non ho mai fatto pubblicità alle mie condizioni di salute e non avrei mai pensato che diventassero un mezzo per offendermi». Il candidato di Storace per la verità si toglie una soddisfazione pubblicando sul suo profilo una foto che riprende una pagina di un giornale locale in cui si dà conto della condanna pochi giorni fa di Franzoni per lesioni a una anziana al pagamento di un’ammenda di 300 euro e a un risarcimento di 1.000.

E’ sempre più evidente come xenofilia e disprezzo per il prossimo siano intimamente correlati, negli xenofili vi è una mancanza di empatia, di sentimento, che li rende “emozionalmente apatici”. Questo ha il duplice effetto di “ritrarli” in se stessi, e di renderli indifferenti a tutto ciò che accade “oltre” il loro piccolo spazio vitale. Li rende “civicamente” irresponsabili: per questo sono aperti all’immigrazione e al diverso, perché incuranti di ciò che avviene alla comunità e non a loro. Non è “l’amore” per l’immigrato a renderli “fanatici dell’immigrazione”, ma il disinteresse per il “prossimo”, l’apatia per le condizioni generali.

Ovviamente a questo finiano non succederà nulla, non ci sarà alcun magistrato che metterà in carcere questo bieco e schifoso individuo, non ha mica chiamato “negro” un negro, del resto.


2 Comments

  1. Werner febbraio 10, 2013 5:40 pm  Rispondi

    Non c’è più limite a nulla, e il fatto che ad aver fatto una dichiarazione simile è un “finiano” non mi stupisce più di tanto: QUELLI DEL FLI SONO ALLA FRUTTA, SANNO CHE A VOTARLI SARANNO SOLO “QUATTRO GATTI”, E QUINDI PUR DI FARE PROPAGANDA E CONVINCERE LA GENTE A VOTARLI, RICORRONO A BASSEZZE SIMILI…SONO CAGATI ADDOSSO PERCHE’ SANNO BENISSIMO CHE ALLE IMMINENTI ELEZIONI NON ENTRERANNO IN PARLAMENTO. DA NOTARE COME FINI, ASSETATO DI POTERE, E’ CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI.

    http://www.repubblica.it/politica/2013/01/22/news/le_liste_dei_candidati_fli_alla_camera-51073611/

    In questo centrino a cui Fini si è aggrappato non conterà un cazzo, si sa già che a comandare lì saranno Monti, Casini e Montezemolo. e’ un politico finito, e chiunque credeva nei valori della destra, a queste elezioni sicuramente non parteciperà, perchè tra le prerogative della destra c’è sempre stata l’identità nazionale, quella che Fini ritiene debba mutare e che l’Italia “deve” diventare una colonia afro-islamica.

  2. Werner febbraio 15, 2013 9:17 pm  Rispondi

    Segnalo l’ultima di una serie di stronzate pronunziate da Fini: oltre a parlare come al solito dello Ius soli, come se fosse una delle prorità del paese, è stato a Pratoe ha detto: ”Non c’é bisogno di una legge speciale per la cittá di Prato: si tratta di una realtá dove l’immigrazione ha un impatto importante, ma gli strumenti di legge che sono a disposizione oggi – se ben utilizzati – sono sufficienti”.

    http://voce.com.ve/blog/2013/02/13/fini-per-la-cittadinanza-serve-ius-soli-temperato/

    Un’impatto importante? Semmai un impatto devastante, prima dell’invasione cinese Prato era la capitale italiana del tessile, ed oggi tutte le fabbriche tessili sono in mano a loro, che grazie alla globalizzazione e l’ingresso del loro paese nel WTO newl 2001, hanno praticamente saccheggiato tutto il tessile di Prato!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *