Euoropa sotto assedio: centinaia di immigrati assaltano Melilla

20130727-160614.jpg

MADRID – Circa 800 clandestini subsahariani hanno tentato ieri di scavalcare la doppia recinzione che separa l’enclave spagnola di Melilla, dal Marocco. L’assalto è stato respinto dall’intervento delle squadre della polizia spagnola.

Il gruppo d’assalto si era avvicinato nella notte dal deserto verso Melilla. Una volta scoperti, gli invasori hanno attuato tecniche militari e si sono divisi in due gruppi: uno – di circa 600 individui- ha cercato di nascondersi in una boscaglia e tra gli arbusti, altri – duecento – si sono avvicinati al confine, ma sono stati bloccati prima che potessero tentare di scavalcare l’alta recinzione.

Tre giorni fa un altro gruppo di 60 immigrati aveva tentato di entrare a Melilla, via mare su due barconi, intercettati dalla guardia costiera spagnola. Durante i controlli alcuni si erano gettati in mare ed erano stati ripescati dagli agenti, mentre uno era morto annegato.


1 comment

  1. Stefano gennaio 24, 2014 7:53 pm  Rispondi

    Morto annegato? Enrico, hai sentito? Gli spagnoli non li vogliono. Mandiamo nave Cavour a prenderli, dieci alla volta. Tanto per i “migranti” le risorse ci sono sempre e , se non ci dovessero essere, basterà aumentare le tasse a quei fessi di itaglioti che vedono sperperare milioni dei loro euro in campi nomadi e non dicono nulla, nemmeno quando poi vanno a pagare la mini IMU per tappare i buchi di bilancio dei comuni equosolidali…
    Le risorse ci sono, i fessi pure.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *