Chimerica: il motore a-morale della Globalizzazione

Ieri, mentre i mezzi di comunicazione di tutto il mondo seguivano la strage alla scuola di Newtown, in Connecticut, dove il 20enne Adam Lanza ha ucciso 20 bambini e 6 adulti utilizzando due pistole, un uomo armato di coltello ha aggredito e ferito 22 bambini e una donna di 85 anni all’uscita da una scuola elementare di Xinyang, villaggio situato nella provincia centrale dell’Henan, nella Cina centro-orientale.

Uomo aggredisce 22 bambini in una scuola in Cina – Secondo una prima ricostruzione dei fatti, un uomo di 36 anni, Min Yingjun, dopo aver avuto un’accesa discussione con una sua vicina di casa, un’anziana donna di 85 anni, che abita nei pressi della scuola elementare di Xinyang, dopo averla aggredita fisicamente con un coltello, preso dalla collera, ha riversato la sua ira su un gruppo di bambini che si trovava lì vicino.

Le vittime dell’aggressione – La maggior parte dei bambini, di età compresa tra i 6 ed i 12 anni, che sono stati aggrediti nella giornata di ieri, ha riportato ferite alla testa facilmente curabili, e quindi non versano in pericolo di vita, ma per sette di loro è stato necessario il trasferimento in altre strutture ospedaliere perché le loro condizioni erano più gravi. L’anziana donna e due piccoli sono ricoverati, invece, nel reparto terapia intensiva e si teme per la loro vita. Il folle aggressore, Min Yingjun, 36enne del posto, è stato arrestato poco dopo il tragico attacco dalla polizia locale. Le motivazioni che hanno spinto l’uomo a commettere un tale atto restano ancora ignote alla forze dell’ordine che stanno indagando sul caso.

I due poli opposti e complementari della Globalizzazione sono marci fino al midollo. Corrosi entrambi da un iper-capitalismo che tenta di sostituire, con i beni materiali, il vuoto morale che intanto crea.
Ma non basta tutta la materia del mondo, non bastano tutti i mega-televisori a schermo piatto e gli smartphone ultimo modello del cosnumismo esasperato a riempire il vuoto morale di Chimerica. Che nella sua folle corsa verso l’implosione fagocita ogni differenza e ogni peculiarità in nome del progresso. Un progresso meramente materiale – in modo estemporaneo, perché nessun benessere sopravvive al declino morale di una società – e spiritualmente amorfo di chi non crede più in nulla.


2 Comments

  1. Werner dicembre 17, 2012 9:41 pm  Rispondi

    Sono fatti entrambi della stessa gravità, dove ad andarci di mezzo sono i bambini, ovvero anime innocenti e indifese, vittime di questo regresso morale e civile causato dalla Globalizzazione.

    E comunque, il benessere economico cinese col regresso economico e sociale dell’Europa, è destinato a ridursi notevolmente.

  2. Luciano dicembre 19, 2012 5:33 pm  Rispondi

    Dalla triste vicenda americana, si evince come ormai l’america sia un paese allo sbando, dove la società è oramai marcia nell’animo e, nel marciume dilagante, fagocita anche se stessa…
    non c’era un motivo alla strage, se no la disperazione di un mondo reso privo di valori; e l’assenza di valori è ben rappresentata da un uomo di carta come obama che rappresenta il nulla cosmico dal punto di vista etico…
    sta togliendo il futuro, insieme all’idiota clinton, a tutti i giovani americani; sta donando loro la disperazione del relativismo più bieco.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *