Gli Immigrati regolari non sono Italiani, sono ospiti

E’ in corso una sostituzione etnica di portata epocale. E quando ti sostituiscono, che questo avvenga dopo una guerra, perché sterminano la tua gente o perché chi comanda ha deciso che le frontiere non esistono più: non cambia il risultato. Un popolo muore, altri lo sostituiscono.

Non c’è differenza tra l’essere sostituiti da clandestini o da immigrati ‘regolari’, tra l’altro quasi sempre ex clandestini. E’ come se una famiglia italiana sfrattata da una casa popolare per fare posto all’assegnatario straniero, trovasse consolazione nel fatto che è regolare invece che clandestino. Sarebbe da dementi. Ed è da dementi pensare che per essere italiano basti ‘portare un contributo economico’ all’Italia. Posto che è impossibile quantificare questo contributo, se pagare le tasse fosse la discriminante, allora gli italiani troppo poveri dovrebbero perdere la cittadinanza: invece no. Perché essere cittadino non è un valore, non è un fatto ‘quantitativo’ o ‘qualitativo’, esula dalla convenienza: tuo figlio rimane tale anche se è un delinquente. Il figlio di un altro non diventa tuo figlio neanche se è un gentiluomo.

Essere italiani, ma anche polacchi o giapponesi, non può dipendere da un mero giudizio di merito. O si è italiani per diritto di sangue, oppure è poi impossibile restringere la platea. Perché una volta che hai attraversato il limes, hai concesso alla cultura dello ius soli quello che vuole: la Cittadinanza non è più un fatto oggettivo, ma casuale, mutevole nel tempo a seconda del comportamento. E come con i cosiddetti ‘matrimoni gay’ che aprono le porte alle adozioni e alla poligamia: perché aperte le porte, entra tutto. La realtà è fatta soprattutto di idee, se perdi nel mondo delle idee, perdi nella realtà. Se cedi il principio, cedi tutto.

https://voxnews.info/2017/12/10/salvini-sono-italiani-anche-gli-immigrati-regolari/

Per questo l’uscita, crediamo mal interpretata, di Salvini sugli “immigrati regolari italiani” è una resa alla “cultura” di sinistra: perché dà l’idea che essere italiano (o tedesco, giapponese, nigerino) dipenda dal comportamento e non dall’eredità. La Cittadinanza non è un fatto di elezione, ma di sangue. Si eredita e non dipende né dalla tua volontà, né dalla volontà di altri: come non si scelgono i propri genitori.

Le genti che abitano l’Italia sono le stesse da migliaia di anni. L’Italia come Nazione precede l’Italia come Stato di due millenni. Il PD vuole disperdere quest’eredità nel mare magnum dell’immigrazione. Salvini deve decidere se vuole guidare la resistenza, o se preferisce essere uno dei tanti politici che vuole assistere al declino e alla caduta della nostra civiltà: perché le civiltà non sopravvivono ai popoli, cadono con loro.

Nel Piave non scorre acqua, Salvini, scorre sangue. Italiano.


2 Comments

  1. Re Vermiglio ottobre 20, 2018 6:42 pm  Rispondi

    Salvini ad esempio, lo dico da leghista convinto pure io, non ha mai negato la piena italianità di Balotelli, ad esempio. Questo perché è assurdo che una persona nata e cresciuta in Italia, e che dell’Italia condivide tutto, cultura e tradizioni, non possa essere definita italiana per un fatto “razziale”.

    Posto questo, anche io sono favorevole ad una forte limitazione dell’immigrazione “economica” (tutt’altro discorso accogliere i profughi veri, questione su cui Salvini è sempre stato categorico e che va fatta assolutamente), ma considerare non italiano Balotelli e italiana gente che di italiano non ha nulla se non un trisavolo, è una vera scempiaggine.

    Ho un amico che ha bisnonni brasiliani emigrati qui, ma tutti, dai nonni in poi, sono italianissimi e dell’Italia hanno accettato tutto. Deve forse considerarsi non italiano nonostante lo sia da tre generazioni e dell’Italia accetti tutto?

    Io ad esempio non ho, per quanto mi riguarda, conoscenza di antenati non italiani, perlomeno nelle ultime cinque o sei generazioni, ma ad eeempio sono biondo con occhi azzurri, e all’estero nessuno mi prende per un italiano. Devo forse considerarmi non italiano perché forse ho degli antenati normanni? Ma andate a fare un giro, va.

    • Vitichindo novembre 13, 2018 1:58 am  Rispondi

      Ed ecco un altro commento del re vemacchio!
      “Salvini ad esempio, lo dico da leghista convinto pure io, non ha mai negato la piena italianità di Balotelli, ad esempio.”
      WoW… Felicissimo allora di non dargli più il mio voto, uno che parla così è solo un traditore ed un genocida razziale che vuole avallare il piano Kalergi!
      “perché è assurdo che una persona nata e cresciuta in Italia, e che dell’Italia condivide tutto, cultura e tradizioni, non possa essere definita italiana per un fatto “razziale”. ”
      Invece ti sbagli stronzo… la razza è per principi genetici INSCINDIBILE dai fattori anche culturali e spirituali; i negri non saranno MAI come noi! Troppe volte si è tentato di civilizzarli inutilmente, non è servito a niente… restano ciò che sono! E il signor Negrotelli con la sua condotta da selvaggio, l’inclinazione naturale a delinquere, il suo insignificante Q.I. e la sua parlata da “zi buana…” è la chiara e PALESE dimostrazione che voi leghisti ruffiani ed idioti VI SBAGLIATE, e vivete in un mondo utopico di sogni (???) IRREALIZZABILI!!!
      “considerare non italiano Balotelli e italiana gente che di italiano non ha nulla se non un trisavolo, è una vera scempiaggine”
      Ma taglia corto TU con le TUE scempiaggini… ti piacciono tanto i neger, va in Africa allora!
      “Ho un amico che ha bisnonni brasiliani emigrati qui, ma tutti, dai nonni in poi, sono italianissimi e dell’Italia hanno accettato tutto. Deve forse considerarsi non italiano nonostante lo sia da tre generazioni e dell’Italia accetti tutto?”
      Ma che cazzo c’entra… se sono PURI BIANCHI li si accetta senza riserve, dato che non costituiscono elementi deteriorabili per la nostra razza!
      “Io ad esempio non ho, per quanto mi riguarda, conoscenza di antenati non italiani, perlomeno nelle ultime cinque o sei generazioni, ma ad eeempio sono biondo con occhi azzurri, e all’estero nessuno mi prende per un italiano. Devo forse considerarmi non italiano perché forse ho degli antenati normanni? Ma andate a fare un giro, va.”
      Ma che CAAAAAAAAZZO vuol dire ‘sta cagata… ??? Cioè., non solo ti ribadisci come scemo, ma vai pure ad avvallortare falsi FALSISSIMI stereotipi sugli italiani, che ci vorrebbero tutti un popolo di gnomi olivastri con capelli ed occhi scuri; il peggio della più becera anti-italiuanità hai tirato fuori! E per tua informazione anche quei soggetti bassi, olivastri e con capelli ed occhi scuri sono geneticamente bianchi; in oltre NON ERANO I SOLI normanni ad avere simili tratti somatici (capelli chiari ed occhi chiari) anche i celti, i liguri, gli italici e PEFINO certi latini presentavano simili fenotipi.

      Perciò fatti TE un giro, ma su un buon sito di antopologia e genetica, anzi; meglio ancora su STormfront!

      E VAFFANCULO!!!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *