AMEDEO MANCINI: PRIGIONIERO POLITICO DEL GOVERNO

fermo-nigeriano-ucciso-1

Prigioniero politico di un sistema marcio. Marcio fino al midollo. Nel quale non vale, se sei italiano, né la presunzione di innocenza, né la verità. Dove vale più la parola di una clandestina abituata a mentire e parte in causa, di 4 testimoni. Tutto per un motivo: proteggere il losco business dei ladri di democrazia al governo e in Vaticano. Il lucroso business che unisce coop e Carita$.

fermo

Non esiste democrazia, nella quale un ministro degli interni, seppure ontologicamente ‘postino’ come Alfano, annuncia ai media l’incriminazione di qualcuno. Dove un vegliardo abusivo istituisce, senza indagini, una pensione per la fidanzata di un clandestino morto in una rissa partita dalla sua aggressione a colpi di spranga. Dove tutti in coro, i media di distrazione di massa, processano un ragazzo senza dare conto, non solo della sua versione, ma nemmeno di quella dei testimoni: non uno, quattro.

E quindi, Amedeo Mancini, italiano, non può che essere un prigioniero politico. Un italiano addentato dal branco di iene dei media di distrazione di massa, affamati di un cadavere africano causato da un italiano, dopo innumerevoli cadaveri italiani causati da africani. Se poi fosse una vera vittima, o un carnefice sfortunato, un dettaglio ininfluente: conta quello che appare, non quello che è.

Si sono mossi in branco, le iene dei media. Famelici. La bava alla bocca. Dopo pochi minuti avevano già deciso il colpevole: italiano. Ultrà con ‘simpatie di destra’ lo ha definito e quindi ‘marchiato’, quella sorta di cloaca giornalistica che passa per l’ANSA.

Sempre meglio di un’agenzia che ha firmato accordi con l’agenzia di Stato cinese. Dalla quale ha preso il vizio di mentire e rovesciare la realtà: le vittime diventano i carnefici.

Perché Amedeo Mancini è in galera, quando ci sono 4 testimoni che ne confermano la versione? Perché la legittima difesa non vale, se sei italiano?

Se le vittime di Kabobo si fossero difese e avessero ucciso il ghanese, sarebbero state arrestate. Mancini è una vittima mancata. Non gliela perdonano.

http://voxnews.info/2016/07/08/fermo-nigeriani-stavano-scassinando-auto/


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *