La Marina è ormai una dependance degli scafisti: ribellatevi!

Abbiamo dei criminali politici che ci governano. Criminali che hanno come stella polare ogni politica che sia in contrasto con la volontà popolare.

Volontà popolare che disprezzano, tanto da avere già rinominato la democrazia come ‘populismo’: tutti i cambiamenti che il Sistema porta avanti, vengono sempre anticipati dalla distorsione semantica dei termini e del loro significato, ‘migrante’ docet.

E qui veniamo alla triste fine della nostra ex Marina Militare. Un tempo orgoglioso vanto del Paese, e oggi ridotta a propaggine degli scafisti nordafricani coi quali finirà per collaborare. Coi quali sta, de facto, già collaborando.

Del resto è la fine in cui è già incorsa da anni la ex Guardia Costiera, trasformata in una cooperativa di esaltati dell’accoglienza.

I militari che un tempo combattevano per la Patria, sono ormai ridotti, anche per colpa loro, a fare da tassisti ai trafficanti e agli invasori.

Svolgono il compito di accompagnare in Italia chi oggi, e ancora di più un domani, ruberà il lavoro dei loro fratelli, le case popolari dei loro genitori e, magari, stuprerà le loro figlie.

Un destino triste, non c’è che dire.

Eppure, c’è un ‘eppure’: è vero che sono militari, e che devono ubbidire agli ordini superiori – stessa difesa di Priebke tra l’altro – ma questi sono ordini suicidi. Sono ordini di una classe politica marcia e illegittima. Di un governo privo di una qualsivoglia copertura democratica, che vuole imporre alla popolazione, delle politiche alle quali è ferocemente contraria secondo tutti i sondaggi. E allora ci si chiede se, in fondo, i nostri militari potrebbero avere uno scatto d’orgoglio e dire no. No a questa degradazione delle loro funzioni. No a questa svendita della Nazione a scafisti e trafficanti.

Questo avrebbe delle conseguenze. Ma ove fosse un rifiuto ampio, una ribellione, questo governo non avrebbe la forza di imporre la propria volontà. Rifiutate di portare le vostre navi e di trasformarvi in marionette degli scafisti, rimanete nei porti. Disobbedite agli ordini di esseri inetti come Alfano e Renzi. Esseri che non hanno alcuna legittimità di governo: perché nessuno li ha mai eletti. Perché il loro governo abusivo e pieno di indagati, sopravvive grazie ad una maggioranza incostituzionale alla Camera dei Deputati, e grazie all’osceno mercato di senatori messo in atto da fratello Verdini.

Fatelo per l’Italia e per voi stessi.

Siamo purtroppo consapevoli che questa supplica sia destinata a cadere nel vuoto. Ci vorrebbe, per seguirla, un coraggio che non avete. Un amore per la Patria che non avete. Chi ce l’ha, è prigioniero in India.

I politici vi hanno già umiliati, consegnando due di voi ad un governo straniero. E non esiteranno a fare lo stesso in un’altra occasione, qualora si presentasse. Vi consegneranno ai governi libico o tunisino, ove accadesse un incidente che vedesse morire dei clandestini, statene certi. Questa classe politica ha tradito, deve essere rimossa. I suoi ordini sono senza valore.

Ma voi, avete valore? E’ rimasta, dentro di voi, la dignità che viveva nei militari della Marina fino a pochi anni fa?


1 comment

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *