ITALIA INVASA: RENZI AL G7 CONTRO ‘MINACCIA’ RUSSA

Il grado di delirio mentale raggiunto dal nipotino del proprietario di Villa Wanda – e di tutti gli altri premier europei presenti – lo descrive bene la sua presenza di oggi al G7, nel quale discuterà della ‘minaccia’ russa.

ISIS è in Libia, le navi delle marine di tutti i paesi Ue scaricano migliaia di clandestini all’ora sulle nostre coste, e lui va in Baviera a discutere di una fantomatica minaccia russa. Vivono nel secolo scorso.

Gli Usa – il loro complesso militare industriale – hanno bisogno di un nemico tecnologico che permetta di dirottate mostruose somme di denaro verso gli armamenti: ISIS non è il nemico ideale per gli affaristi, sgozza, non lancia missili nucleari. Per questo, l’apparato mediatico al servizio degli americani monta un inesistente pericolo russo. Per questo, il complesso di cui sopra paga i nostri politici per occuparsi di un nemico inesistente.

Ottengono due risultati: soldi verso le loro multinazionali, e distolgono l’attenzione dal vero pericolo dell’invasione di immigrati, che loro vogliono per abbassare le pretese degli operai autoctoni. Per inciso: pagano anche i sindacalisti.

Un incapace come Renzi non dovrebbe fare il primo ministro di un grande paese come l’Italia (ma nemmeno l’amministratore di condominio), e infatti nessuno lo ha eletto. Quando il tuo governo è al potere senza mandato popolare, non vivi più in democrazia. E se non vivi più in democrazia, allora è legittimo abbattere il tuo governo con qualsiasi mezzo: anche violento.


1 comment

  1. Paolo giugno 9, 2015 4:48 pm  Rispondi

    Abbattere questo governo è diventata una questione di sopravvivenza, altrimenti saremo abbattuti noi.
    Peggio dei ladri ci sono i traditori, coloro che hanno venduto il proprio popolo…
    E il campione dei traditori è al fano; una vita di tradimenti

Leave a reply to Paolo Cancel reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *