Ennesima conferma: l’Italia non è un paese libero

All’inzio vennero a prendere gli antisemiti; e fui contento perché gli ebrei non mi davano alcun fastidio.
Poi vennero a prendere quelli che si opponevano all’immigrazione; e non me ne rattristai, perché la questione mi era indifferente.
Poi vennero a prendere quelli che sparlavano delle banche e dell’Ue, e ci risi sopra, perché li trovavo stupidi complottisti.
E alla fine vennero a prendere me, e non c’era rimasto più nessuno per protestare.

In Italia, per chi ancora non se ne fosse accorto, non c’è solo un allarme “democrazia” ( Monti docet), ma c’è anche, in maniera contingente, un serio allarme libertà.
In pochi giorni abbiamo avuto, in ordine: la condanna ai ragazzi di Sf, la chiusura dei siti Holywar, e ora anche questo:

Lavori socialmente utili nell’associazione “In strada” di don Fausto Resmini e un anno di reclusione. E’ la condanna inflitta dal giudice Ezia Maccora a Paolo Sizzi, blogger di Brembate Sopra, fondatore del Movimento nazionalista lombardo. Il 29enne bergamasco era stato denunciato per istigazione dell’odio razziale e vilipendio al presidente della Repubblica attraverso i posto di due blog. [1]

Certo, il personaggio ha diverse idee molto opinabili; nondimeno sono idee, e come tali hanno il diritto di essere espresse.

E invece, questo non accade.
Ragazzi poco più che ventenni, vengono svegliati nel cuore della notte per essere portati in questure, sbattuti in galera vicino a stupratori e assassini; e nessuno dice nulla. Non un fiato.
Giorno dopo giorno, in Italia sta morendo la libertà d’espressione, nel silenzio complice di una stampa, che quando non è serva, è stupida e vigliacca.

Non ci sono in questi casi, babbei che starnazzano sul “bavaglio”, né vi sono scene da tragedia greca, come per il “caso Sallusti”; perché qui, ad essere coinvolti non sono dei riccastri allineati, ma dei ragazzi non privilegiati, che fanno una vita come tanti altri, con lavoro, università e affitti da pagare. E che in tutto questo, si concedono il “lusso morale” di avere qualche ideale; ragazzi che che credono ancora in qualcosa, in un mondo che ti fa perdere la speranza in tutto.

“Istigazione all’odio razziale”, è un reato che può esistere solo nella mente di qualche devoto alla Censura. E un devoto nemmeno originale quanto crede, visto che da sempre, quando si vuole censurare l’opinione sgradita e scomoda, si fa ricorso a questi “giochetti di parole”. Secoli fa, quando ad esempio si voleva impedire uno spettacolo teatrale indigesto al potente di turno, si poteva tranquillamente arrestarne l’artefice, presentando come motivo ufficiale, non l’aver espresso opinioni vietate, ma “l’aver istigato a rivolte e disordini”.

Quello che diversi individui ingenui non comprendono, è che questi “giochetti”, ora vengono usati per zittire alcune opinioni, ma ci vuole un attimo, ad utilizzarli per zittire qualsiasi altra opinione.
Basterà demonizzarla ( e con i media di massa, ci vuole meno di un battito di ciglia), e usare contorte espressioni come “istigazione a..”, oppure “attività di sedizione”; ad esempio, in un futuro prossimo, criticare l’Unione Europea ( anche per mere questioni economiche ) potrebbe far incorrere nel reato di “istigazione a odio anti-europeista, e a sedizioni nazionaliste anti-europeiste” ( e visto il potere sempre maggiore dell’Ue, e dei suoi burocrati privi di qualsiasi legittimazione, ci potrebbe volere molto poco).

Sulla libertà d’espressione, non è concesso di “cincischiare” ; perché quando inizi a limitarla, sai dove cominci, ma non sai dove finisci.

Ecco perché chi, disprezzando uno come Sizzi, arriva a dirsi contento che subisca una condanna come questa, si dimostra più che ingenuo; perché oggi non è stato condannato solo sizzi. Oggi è stata condannata la libertà, di tutti noi.

[1]http://www.bergamonews.it/cronaca/istigazione-odio-razziale-blogger-%E2%80%9Clombardista%E2%80%9D-ai-lavori-socialmente-utili-173602


5 Comments

  1. Werner aprile 19, 2013 10:44 pm  Rispondi

    Più siti come quelli di Stormfront, Holywar, Movimento Nazionale Lombardo, non allineati al Sistema di matrice giudaico-massonica, vengono censurati, e più siti come questi prolifereranno, perché la Rete è illimitata e immensa, per cui è meglio che lascino perdere, sono solo tempo e soldi pubblici sprecati: VADANO APPRESSO AI POLITICI LADRI E CORROTTI, AI PEDOFILI, AGLI STUPRATORI, AGLI SPACCIATORI DI DROGA, A TUTTI I DELINQUENTI IMMIGRATI, che arrestando e condannando loro i soldi sono ben spesi.

    Devono farsene una ragione questi magistrati anti-democratici, sinistroidi e di regime che abbiamo in Italia, NON POSSONO PROIBIRE A CHI NON E’ ALLNEATO AL SISTEMA DI NON POTER ESPRIMERE LE PROPRIE CONVINZIONI SUL WEB, e quindi, siccome di siti come quelli ne nasceranno altri: NOI NON CI FAREMO INTTOMORIRE E ANDIAMO AVANTI PER LA NOSTRA STRADA!

    VIVA L’ITALIA LIBERA E DEMOCRATICA (che non esiste), VIVA IL POPOLO ITALIANO! (che almeno quello esiste eccome :))

    • Werner aprile 19, 2013 10:45 pm  Rispondi

      Ah dimenticavo: PENSINO PIUTTOSTO A CENSURARE I SITI PEDOPORNOGRAFICI O A PORRE RESTRIZIONI AI SITI PORNOGRAFICI CON ACCESSO LIBERO COME YOUPORN.

  2. Marte Ultore aprile 19, 2013 11:41 pm  Rispondi

    premesso che Sizzi E’ un coglione ancora più di Scarpino (che lo apprezzava definendolo persona “di cultura” in un post, ancora disponibile in una discussione dedicata su storm), libero lui di delirare sul web, finché non commetta qualche vero reato. Ma la cosa che più fa incazzare sinceramente è un’altra, e non sno così duro perché Sizzi mi sia indifferente e anzi gli sia ostile idealmente, ma dicevo, fa incazzare leggere di muslim o africani o rom che quotidianamente minacciano di fare, e mettono in pratica, altro che incitamenti, ma vere e proprie aggressioni, ma per loro va tutto bene, nessuno dice nulla, quello non è mai razzismo. Qui invece…

  3. Ulisse aprile 20, 2013 2:31 pm  Rispondi

    Continua la “caccia alle Streghe”, si perseguitano e si arrestano persone colpevoli di esprimere delle opinioni, l’Italia si dimostra uguale ad altre nazioni come la Germania e l’Inghilterra per fare degli esempi, dove esprimere determinate opinioni si viene arrestati e ovviamente nessuno trova da ridire. Mentre non ci si preoccupa a fermare i veri criminali, mi chiedo ma con questa magistratura che abbiamo in Italia primo o poi succederà come in Olanda che un’associazione di pedofili sarà libera di promuovere le loro perverzioni? Secondo me si, visto la magistratura che abbiamo e del resto per loro i criminali sono i Sizzi o i Scarpino di turno, non i pedofili pervertiti, gli strupatori e assassini vari… ( qui il link sul via libera al club di pedofili in Olanda di promuovere le loro perverzioni: http://www.lastampa.it/2013/04/03/esteri/sentenza-choc-in-olanda-sulla-pedofilia-via-libera-al-club-che-la-promuove-srVRzSLjEU6tXqpp5dp3nN/pagina.html

  4. Antonella aprile 22, 2013 5:37 pm  Rispondi

    ragazzi, non so, ma è da tempo che quel tizio con nick diversi che ci veniva a tormentare non si fa piu vivo. Non è che tutto questo silenzio è il preludio di una trappola che stanno per far scattare anche per questo bellissimo sito? Non voglio fare l’uccello del malaugurio ma io diffido sempre del troppo silenzio…

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *