La grillina Montevecchi colpisce ancora: no agli sgomberi dei Rom e ai respingimenti dei clandestini

Michela Montevecchi, la grillina che “appoggerebbe un governo Bersani”, in nome della stabilità of course, si dice contraria ai respingimenti di clandestini firmando la petizione che richiede l’abrogazione del trattato con la Libia. Quello che – con guerra conclusa – impedisce a milioni di Africani di dare il via ad un’invasione dell’Italia di proporzioni bibliche.

Lo annuncia con nonchalance dalla sua pagina Fb:

La cosiddetta “agenda per i diritti umani” di Amnesty – come se esistesse il “diritto umano” ad invadere il territorio altrui – è un confuso guazzabuglio di varie proposte e impegni sui più svariati temi. Alcuni talmente ovvi da essere condivisibili da tutti, come “fermare la violenza sulle donne”, ma privi delle ricette per portarli avanti: sempre facile dire cosa si vuole senza dire come ottenerlo. Altre sono invece in puro stile “riccardi”.
Riguardanti il tema immigrazione sono due – entrambe firmate dalla grillina Montevecchi – una quella contro i respingimenti e l’altra, per fermare lo sgombero dei campi nomadi abusivi e dare le case agli Zingari.

Se andate sulla pagina di Amnesty, noterete che il “capo” della Montevecchi non ha firmato, evidentemente non condivide le proposte e non intente impegnarsi in tal senso. Ma ancora una volta, lui pensa una cosa, e i suoi candidati ne pensano un’altra. E quando la Montevecchi sarà al Senato, sarà libera di aggiungere il suo voto al Pd-Sel per dare le case ai Rom, eliminare i respingimenti provocando l’assalto alle nostre coste e magari, dare la cittadinanza e il diritto di voto agli immigrati.

Ancora una volta vorremmo sapere da Grillo cosa pensa di tutto questo, quanti dei suoi candidati seguono lui, o quanti hanno le stesse idee-comportamenti della Montevecchi bersaniana. Oppure anche Grillo condivide l’accoglienza di milioni di Africani in Italia e la permanenza dei campi nomadi abusivi?

Perché andando a scavare nella biografia della candidata si scopre un curriculum simile a quello di tanti attivisti pro-immigrazione. Michela Montevecchi, infatti, insegna lingua inglese e lingua italiana agli stranieri.
Un altro personaggio come tanti altri incontrati, che dal business immigrazione trae guadagno. E questo spiega la sua firma alla petizione contro i respingimenti e lo sgombero dei campi nomadi: sono tutti clienti.

E ora, votatela.

Share

5 Comments

  1. Werner febbraio 18, 2013 8:32 pm  Rispondi

    Visto che ama così tanto zingari e tutta quella feccia che sbarca dall’Africa, perchè non li ospita a casa sua! Se non lo fa poi la razzista è lei, non certo noi che non li vogliamo proprio.

  2. Marte Ultore febbraio 18, 2013 9:38 pm  Rispondi

    Ma ancora stiamo a discuterne? i grillini sono comunisti, lo dico da almeno un anno, perché NE CONOSCO a decine, e gente che è sempre stata comunista, pro immigrati, anti nazionali incalliti.
    Che poi Grillo pensi, non so come, forse con le dimissioni firmate in bianco (illegali) di tenerli al guinzaglio non lo so, ma ne dubito.

    Il PDL e la Lega e i loro alleati sono l’unica opposizione REALE a questa melma che rischia di sommergerci, poi turatevi il naso, mettetevi la muta impermeabile fate quello che volte, ma IMPEDITE che l’Italia sia consegnata legata mani e piedi a sta gente.

  3. MONELLA VAGABONDa febbraio 19, 2013 10:17 am  Rispondi

    mi fa sempre piu’ schifo sta sottospecie di donna

  4. Derio febbraio 19, 2013 12:08 pm  Rispondi

    La vedo dura cari amici per chi intende respingere l’invasione afro-musulmana…. però se ci riflettete bene è giusto così: se un popolo non vuole o non può respingere gli aggressori esterni è destinato ad uscire dalla storia, non se ne esce…. Impegniamoci tutti a fare, nel ns piccolo o grande che sia, tutto ciò che può contribuire a sbarrare il passo a queste masse di arroganti e prepotenti invasori, ad esempio non affittiamogli case, non assumiamoli al lavoro, ecc… il tutto fino al momento della guaerra civile che ritengo abbastanza prossimo… ancora molti italiani (veri) non si sono resi conto che pagano tasse esose per mantenere zingari, marocchini, africani neri ed altra feccia negli asili, nelle varie mense caritas (che riceve soldi pubblici) nelle case popolari e via elencando….

    • Marte Ultore febbraio 19, 2013 6:29 pm  Rispondi

      hai perfettamente ragione derio, è quanto asserisco da molti anni. Se un popolo non vuole o non riesce a contenere la “spinta” (e anche qui faccio notare che l’ambiguita sessuale è tutt’altro che casuale) di masse arroganti e prepotenti di invasori è giusto che si estingua. OVviamente per noi è un dramma colossale, ma per quelli che sostituiranno il nostro popolo sarà una grande Vittoria e così sarebbe ricordata da costoro se solo avessero un po’ di cultura e civiltà per scrivere libri di storia.

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *