Appello disperato dei cittadini: «Liberateci dal Campo Nomadi»

Fumi tossici dai Campi Nomadi

«Sgomberate il campo nomadi di via Airaghi, al confine tra la zona Baggio e la frazione Seguro di Settimo Milanese». A chiederlo, sollecitato dalle disperate richieste dei cittadini, con una lettera inviata nelle scorse ore, è l’assessore provinciale alla Sicurezza, Stefano Bolognini. La richiesta è rivolta al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e al comando provinciale dei carabinieri. Non una semplice lettera, ma un sollecito, perchè l’assessore di Palazzo Isimbardi da mesi chiede alle forze dell’ordine di intervenire per sgomberare l’insediamento abusivo di rom situato su un terreno a ridosso della tangenziale ovest.
Ci si chiede perché le Forze dell’Ordine non intervengano e perché nessun magistrato sequestri l’area.

L’accampamento è stato sgomberato una prima volta a settembre 2011. Ma dopo qualche settimana la situazione è tornata come prima: decine di famiglie rom, con bambini anche molto piccoli, hanno occupato nuovamente l’area con tende, roulotte, baracche, refurtiva e sporcizia.
Con l’arrivo degli Zingari sono aumentati in modo vertiginoso furti ed episodi di microcriminalità, reati contro il patrimonio, furti di rame, nei box, nei distributori di benzina. Gli abitanti della zona iniziano a manifestare un preoccupante nervosismo di fronte ai ripetuti episodi di illegalità di cui sono vittime.

Un problema di sicurezza, ma non solo. I nomadi hanno accumulato al confine del campo abusivo una montagna di rifiuti, una vera e propria discarica a cielo aperto dove scorazzano topi. Da qui la necessità di uno sgombero immediato del campo rom.

La questione, proprio questa sera, sarà tra gli argomenti all’ordine del giorno del consiglio comunale di Settimo Milanese. La Lega Nord infatti ha chiesto al sindaco Massimo Sacchi di sapere cosa ha fatto l’amministrazione per sollecitare l’intervento delle forze dell’ordine. «In questi mesi ho scritto molte lettere anch’io al sindaco Pisapia e all’assessore alla sicurezza di Milano — dice —. La situazione è diventata insostenibile, le condizioni igenico-sanitarie del campo pure, per costruire le baracche hanno disbocato un’area verde. Noi abbiamo massima attenzione al problema, ma purtroppo da parte di Milano non arrivano risposte».

L’effetto Pisapia non si limita a Milano, ma danneggia anche i comuni limitrofi. Abbracciate i fratelli Rom.


2 Comments

  1. edera luglio 2, 2013 8:37 pm  Rispondi

    dategli fuoco

  2. Stefano luglio 2, 2013 9:38 pm  Rispondi

    Fate voi un millesimo di quello che fanno questi titani della più nobile cultura e poi vedrete se giudici vari non vi perseguono per anni ed anni, sommergendovi di notifiche scritte fitte fitte ogni tot mesi, facendovi spendere una fortuna in avvocato e spese di giudizio.
    Perché voi siete italiani, dove scappate?
    Vi pignorerebbero auto, mobili, TV, quinto dello stipendio etc…
    Ma soprattutto siete italiani, quindi non avete nessuno che vi difenda.
    Mi sembra logico, visto che siamo in Italia…

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *