Chi paga gli stipendi di Ronaldo e Messi? I pensionati italiani

L’Eurozona implode e gli Italiani, insieme a Tedeschi, Francesi e Britannici (non la Ue che è solo un prestanome) stanno per sborsare tutti insieme 100miliardi di euro a favore della Banche spagnole. Le stesse banche che finanziano i mostruosi debiti di Barcellona e Real Madrid.

Di questi, 22miliardi proverranno direttamente dalle tasche degli Italiani, esattamente il 22% del totale[nbnote ]http://www.telegraph.co.uk/finance/comment/ambroseevans_pritchard/9317854/Spain-too-big-for-EU-rescue-fund-as-China-recoils.html[/nbnote]. Quindi, e qui è lo scandalo: i pensionati italiani pagheranno gli stipendi milionari di uomini depilati in pantaloncini. Tutti i tagli alle pensioni, l’Imu, le nuove tasse finiranno direttamente, o indirettamente, nelle tasche di tal Ronaldo, Messi e compagnia[nbnote ]http://www.corriere.it/esteri/12_giugno_07/maxiprestiti-bankia-real_cb92eeb0-b064-11e1-b62b-59c957015e36.shtml[/nbnote].

E nessun politico grida allo scandalo. Nessun indignato scende in piazza (dove sono gli indignati? chi ne vedesse uno ci contatti, siamo preoccupati). Diciamo le cose come sono: è già vergognoso e immorale che un calciatore venga pagato, ma che venga pagato con il pane tolto di bocca a vecchi, donne e bambini è qualcosa di abnorme. Ed è abnorme che non vi sia, tranne pochi attenti osservatori, un movimento di protesta che si sollevi contro questo scandalo.

E allora, quando andrete a pagare l’Imu, quando andrete a ritirare la magra pensione, pensate ai vari semi-dei in mutande. E incazzatevi, soprattutto con voi stessi, che non fate nulla e subite. E magari finanziate anche questo sistema, comprando biglietti, magliette e abbonandovi a Sky.

IL MODELLO SPAGNOLO

E’ passato meno di un anno, la Spagna zapaterista veniva  esaltata dai pennivendoli come “avanguardia di una società moderna”, dove gli omosessuali si sposano e adottano bambini, si diventa avvocato in poche ore, non esistono gli ordini professionali, c’è il divorzio breve e la cittadinanza facile. Dove costruire palazzi è un gioco da ragazzi e gli immigrati non hanno bisogno di permesso. (Che sono poi gli stessi provvedimenti che il governo Monti avrebbe in serbo per noi)
E’ da lì che il mitico Bersani prese le sue “liberalizzazioni” ed è alla Spagna che guardavano (e inconsciamento guardano ancora oggi) gli economisti del liberismo selvaggio. Era tutta una “bolla”, un’illusione di benessere creata dal denaro facile che a causa dell’euro si fiondava, dalla Germania alla Spagna in cerca d’occasioni. E non è un caso che l’iper-liberismo economico si accompagnasse a quello morale: una società senza barriere in campo commerciale, è una società moralmente lassista. Divorzio breve e consumismo estremo sono la stessa cosa, in due ambiti distinti.L’indifferenziazione sessuale e professionale, sono la stessa cosa, in due ambiti distinti.

Oggi, quell’illusione si è spenta lasciando il posto alla realtà decrepita di un paese in ginocchio. E noi pagheremo il conto di quell’esperimento folle. Folle in campo economico e sociale.

Ma il fatto più sconvolgente è che, ancora oggi, vi sia chi a quel modello fallimentare si ispira, Bersani[nbnote ]http://www.ilgiornale.it/interni/coppie_fatto_bersani_scende_camposerve_subiro_legge_basta_far_west/pier_luigi_bersani-coppie_fatto-gay_pride-gay-testamento_biologico/09-06-2012/articolo-id=591755-page=0-comments=1[/nbnote].  Non è un caso che i relativisti morali siano oggi, i maggiori esegeti del liberismo economico più spinto: il consumismo si è rivelato, nella sua forma più estrema, uno “scassinatore d’anime”. Il grimaldello per “addomesticare” gli istinti dell’uomo e renderlo un cagnolino ubbidiente, pronto ad accettare qualsiasi “deroga morale”. Non hanno però compreso, questi entusiasti sostenitori dell’iper-liberismo, che il degrado morale ha un effetto diretto su quello economico: una societò moralmente “lasca”, finisce per implodere. E’ l’anticamera del disastro economico.

Per ora, gli effetti di questo esperimento, li pagheranno i contribuenti delle nazioni europee. Sotto forma degli stipendi di Messi, Ronaldo e compagnia.

 

 

[nbnote print=”true”]


1 comment

  1. rita maggio 16, 2013 11:33 am  Rispondi

    Poi dicono che dobbiamo ripianare il debito pubblico e ci fanno pagare anche quello che non ci compete.Mi pare una cosa paradossale.Ognuno paghi i suoi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *