Eurozona vicina al collasso

Il “denaro” sta lasciando le banche spagnole al tasso più veloce dall’inizio dei rilevamenti, con gli investitori sempre più preoccupati della situazione economica e finanziariadopo crash di proprietà del 2008.

La Banca di Spagna ha ammesso che la cifra record di  66.2 miliardi di euro  è stata inviata all’estero durante
il mese scorso, il massimo dall’inizio delle rilevazioni iniziate nel 1990.
Un anno fa, durante lo stesso mese la rilevazione mostrava un surplus in entrata di 5 miliardi di euro.[nbnote ]http://www.telegraph.co.uk/finance/debt-crisis-live/9301285/Debt-crisis-live.html[/nbnote]

Quello che è accaduto in Grecia, sta accadendo in Spagna. E accade in misura minore in Italia e in Francia.
L’emorragia di denaro è oramai inarrestabile, e avrà fine solamente con l’immediato abbandono dell’euro e il ritorno alle monete nazionali.
Come infatti spiegammo in un recente articolo, è “l’incertezza sulla fine dell’euro” a causare questa emorragia.

Non è poi sorprendente leggere che è questa incertezza e conseguente deflusso di denaro a sostenere il boom immobiliare londinese, una bolla pronta a sgonfiarsi, non appena l’euro sarà storia e l’incertezza cesserà.

Intanto, questa emorragia di valuta dai Paesei dell’eurozona, oltre a “sostenere” il mercato immobiliare britannico,  causa questo:

Click for full size

Nei paesi dell’euro, la massa monetaria, indicatore importante per comprendere l’andamento futuro dell’economia, dopo un breve “rimbalzo” successivo al blitz della Bce, sta ripiegando. Per non parlare dei “prestiti” concessi dalle banche al sistema economico: in caduta libera.

Vorrei essere conciso e non prolisso: siamo nella merda in una brutta situazione.

Se ci fossero dei veri leaders, dei “populisti” interessati al benessere dei propri popoli, questi, si riunirebbero intorno ad un tavolo e scriverebbero la parola fine all’esperimento “euro”. In modo ordinato e organizzato.
Non avverrà. Non ci sono “populisti”, ma servi del Sistema. Non ci sono “leaders”, ma mezze figure da sportello postale alla Mario Monti.

L’euro non finirà in modo ordinato, finirà in catastrofe.
Una catastrofe annunciata.

[nbnote print=”true”]

 


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *